Cinque miliardi di uomini, e poi?

Dalla comparsa dell’uomo sul pianeta la crescita numerica della popolazione è collegata, nel lungo periodo, allo sviluppo delle risorse. Due grandi rivoluzioni hanno prodotto periodi di forte accelerazione della crescita: la prima, col passaggio dalla caccia e raccolta all’economia agricola, ha permesso lo stabile insediamento dell’uomo nei cinque continenti; la seconda, iniziata con la rivoluzione industriale, e non ancora conclusa, ha portato a 5 miliardi la popolazione mondiale, dal miliardo del secolo scorso e la moltiplicherà ancora di due o tre volte in quello venturo. Che cosa accadrà nei prossimi decenni, ci sarà cibo a sufficienza per dieci o addirittura quindici miliardi di bocche? E quali saranno le implicazioni sociali, ambientali e politiche? Non si tratta solo di mangiare, ma di rendere possibile una esistenza dignitosa ai nostri figli e non solo ai nostri. 

author

Massimo Livi Bacci

Dipartimento Statistico dell’Università di Firenze

Massimo Livi Bacci