Tecnologia e solidarietà: Software libero

Torna all'edizione 14

Tecnologia e solidarietà: Software libero

Giovedì 04 Novembre 17.45 - Teatro Colosseo

I meccanismi del mercato restringono a pochissimi paesi lo sviluppo delle tecnologie, ma una novità importante sembra aprire nuove prospettive ai paesi e ai sistemi industriali deboli o poveri: il software libero, frutto di una stretta collaborazione internazionale di migliaia di studiosi e programmatori di tutto il mondo. Internet è il più importante risultato di questa opera collettiva.

Il sistema operativo Linux e i molti altri prodotti nati negli ultimi anni fuori della logica del profitto, dimostrano che, oltre al mercato e allo stato, lo sviluppo economico ha un terzo potente motore: lo spirito del dono, e inducono al sogno di un nuovo rinascimento mondiale basato più sulla collaborazione che sulla competizione.

Angelo Raffaele Meo

Politecnico di Torino

Nato a Cuneo nel 1935 è titolare della Cattedra di Sistemi per l'elaborazione dell'informazione al Politecnico di Torino.

È stata pionieristica la sua attività nel campo dell'elaborazione digitale dei segnali: è stato tra i primi a realizzare un riconoscitore automatico della voce. Ha prodotto risultati notevoli nel campo della codificazione, aprendo la strada a nuovi sviluppi scientifici e applicativi. Non inferiore all'impegno individuale nella ricerca è stato quello rivolto a promuovere l'attività scientifica e didattica nel settore informatico tenendo corsi televisivi nell'ambito del progetto Nettuno. È stato direttore del Progetto Finalizzato Informatica del C.N.R., del Centro di ricerca sull'Elaborazione Numerale dei Segnali, del Centro di Supercalcolo del Piemonte. Vincitore dei premi "Lori" e "Bonavera" per l'Elettrotecnica, Premio Italgas 1987 "Ricerca e Innovazione" per l'Informatica, "Premio Galileo" per la divulgazione matematica. Meo è tra i soci fondatori di CentroScienza.