La pila di Volta, due secoli e non li dimostra

Torna all'edizione 14

La pila di Volta, due secoli e non li dimostra

Giovedì 20 Gennaio 17.45 - Teatro Colosseo

Nata per dirimere una controversia scientifica nella quale i contendenti avevano in fondo entrambi ragione, la pila segna uno spartiacque nella storia dell'elettricità anzi dell'elettrico, come allora si diceva: infatti ha fatto nascere l'elettrotecnica, perché con lo scorrere regolare di un fluido, ancora misterioso nella sua sostanza ma che si imparò presto ad ammaestrare, consentì mille applicazioni e il sorgere di nuove scienze. La nostra civiltà è tutta basata sull'uso, e a volte sull'abuso, di oggetti elettrici. Ma tutto è nato con la pila di Volta, che per la prima metà del secolo scorso fu l'unica sorgente pratica di energia elettrica, per poi condividere questo compito con la dinamo per altri cinquant'anni, e poi anche con l'alternatore. Dai giocattoli ai telefonini, dalle radioline ai telecomandi, le pile oggi si usano a centinaia di milioni al giorno. Profondamente rinnovate, più efficienti, meno inquinanti, le nipotine della pila di Volta continuano ad essere sorgenti di energia indispensabili per la loro piccolezza, leggerezza e affidabilità.

Sigfrido Leschiutta

Presidente dell'Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris

Nato a Roma, 1933, ingegnere con 3 figli. Laurea al Politecnico di Torino e libera docenza in Misure Radioelettriche. Insegna al Politecnico dal 1962; l'attuale corso è Misure su Sistemi di Trasmissione e Telemisure per la laurea in Tele-comunicazioni; in passato ha insegnato "Misure elettroniche e metrologia del tempo e della frequenza". L'attività di ricerca si è svolta prevalentemente presso l'Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris nel settore della Metrologia del Tempo e presso il Politecnico. Interessi di ricerca, oltre agli orologi, sono i sistemi di navigazione tra-mite satellite. Interesse collaterale è la storia degli strumenti sia scientifici, in particolare elettrici, sia musicali. Cinque libri ed un centinaio di articoli, parte dei quali sulla storia della scienza.