Arrivano le Zanzare

Torna all'edizione 14

Arrivano le Zanzare

Giovedì 24 Febbraio 17.45 - Teatro Colosseo

È una calda sera e si sa che arriveranno. Approntiamo le nostre difese: speciali reti di contenimento dette zanzariere, dispositivi contraerei, spray, zampironi al piretro per colpire il sistema nervoso, una sorta di gas nervino, fornelletti elettrici, fino ai più sofisticati ultrasuoni che simulano il segnale dei maschi e tengono lontane le femmine gravide, autan e vape, repellenti naturali prodotti dalle migliori erboristerie e prodotti omeopatici; e poi giù con giornali, vecchie ciabatte fino ad arrivare alle nude mani. Ma noi sappiamo che la battaglia è già persa in partenza; le terribili Culex pipiens (le nostrane) arriveranno in picchiata e colpiranno duro, lasciando antiestetici bozzi arrossati e irritati. Loro arriveranno perché si sono irrobustite. Negli anni sessanta le abbiamo combattute con il DDT e altri insetticidi. Ma si è poi visto che le zanzare sopravvissute erano ogni anno più resistenti. "Tutti rimedi peggiori del male" sostiene l'entomologo Giorgio Celli, che da tempo conduce contro le zanzare una lotta biologica (con un bacillo dotato di una tossina che ne uccide le larve). "In fondo è meglio una zanzara in camera da prendere a ciabattate che una molecola di pesticida in più nei polmoni o nell'acqua da bere".

Giorgio Celli

Università di Bologna

È docente nell'Istituto di Entomologia "Guido Grandi" presso l'Università di Bologna e coordina un gruppo di ricerca sulle alternative ai pesticidi in agricoltura, sull'ape come organismo indicatore dell'inquinamento ambientale e la sua etologia. È membro del Comitato tecnico scientifico del Parco del Delta del Po, e responsabile del Progetto zanzare promosso dalla Regione Emilia Romagna e dai comuni della costa adriatica.

Ha fatto parte del Gruppo '63 e ha collaborato a numerose riviste. Ha scritto numerosi libri, tra i quali ricordiamo alcuni tra gli ultimi: "Il gatto di casa: etologia di un'amicizia" (Muzzio,1997), "Darwin delle scimmie" (Bollati Boringhieri, 1999), "Vita segreta degli animali" (Piemme, 1999).

Interessato al teatro e all'arte, nel 1975 ha vinto il premio Luigi Pirandello con l'opera "Le tentazioni del professor Faust", ha messo in scena diverse sue pièce, due volte (1975, 1977) al Festival dei due Mondi di Spoleto, e nel 1986 ha curato per la sezione "Arte e scienza" della Biennale di Venezia l'audiovisivo "Arte e biologia nel Novecento". Collabora con "La Stampa" e ha una rubrica su "Quattrozampe". È il conduttore della fortunata trasmissione televisiva di RAI 3 "Nel regno degli animali". Dal giugno 1999 è parlamentare europeo.