Tutti ultracentenari?

Torna all'edizione 15

Tutti ultracentenari?

Verso i limiti della vita

Giovedì 11 Gennaio 17.45 - Teatro Colosseo

Nell’ultimo secolo la speranza di vita è più che raddoppiata, e in Italia raggiunge ormai i 75 anni per gli uomini e gli 81 per le donne. Ciò ha fatto sì che un numero sempre maggiore di persone raggiunga e superi il secolo di vita. Questo cambiamento demografico ha comportato un altrettanto marcato cambiamento epidemiologico che vede prevalere oggi le malattie cronico-degenerative (malattie cardiovascolari, demenze, diabete, osteoporosi) e i tumori come maggiori fattori di mortalità. Tutto ciò ha fatto emergere lo studio della longevità umana, delle sue caratteristiche, delle sue cause e delle prospettive. L’obiettivo è di vivere a lungo ma soprattutto di vivere bene, con evidenti vantaggi non solo personali ma anche per la collettività. In Italia è attivo da oltre dieci anni un gruppo di ricerca sugli ultracentenari: ne vedremo in anteprima i risultati.

Claudio Franceschi

È direttore Scientifico dell’INRCA, Istituto Nazionale di Riposo e Cura Anziani

È direttore Scientifico dell’INRCA, Istituto Nazionale di Riposo e Cura Anziani, insegna Immunologia all’Università di Bologna. Negli ultimi dieci anni si è occupato, tra l’altro dell’invecchiamento e della longevità umana dal punto di vista immunologico, biologico e genetico, dei meccanismi della morte cellulare programmata, degli effetti immunologici dei capi elettromagnetici a bassissima frequenza e d’immunopatogenesi dell’AIDS. È coordinatore della parte biologica del Gruppo Italiano di Studio sui Centenari, e partecipa a numerosi progetti di ricerca a carattere internazionale. È membro di diversi organismi e accademie tra le quali la New York Academy of Sciences. Numerosissime le sue collaborazioni a riviste scientifiche.