Multimedialità? Fatemi capire

Torna all'edizione 15

Multimedialità? Fatemi capire

Le immagini del futuro interattivo

Giovedì 15 Febbraio 17.45 - Teatro Colosseo

Non avremmo internet e l’universo multimediale della Grande Rete, senza le tecnologie digitali e i protocolli standard che permettono a 100 milioni di computer diversi sparsi nel mondo di dialogare tra loro con un linguaggio comune. Le tecniche digitali, dopo il telefono, la radio e la Tv, Hanno così permesso la nascita di un nuovo livello della comunicazione, divenuta interattiva e personalizzata. Così anche il telegiornale può, in qualche misura, diventare interattivo e calibrarsi sul destinatario delle informazioni, la musica si può trasmettere come un file di dati e produrre, comprare e ascoltare in Rete. Non solo: il cyber spazio si popola di presenze artificiali capaci di dialogare con voci sintetiche e nascono software intelligenti che imparano i nostri gusti per servirci meglio. Una conferenza-spettacolo che ci presenterà questo presente-futuro, in gran parte creato nei laboratori CSELT di Torino.


Leonardo Chiariglione

Laureato al Politecnico di Torino

Laureato al Politecnico di Torino, ha conseguito il dottorato all’Università di Tokyo sui sistemi di codifica video. Responsabile allo CSELT dell’Area di ricerca sulle tecnologie e sui servizi multimediali, ha partecipato come leader allo sviluppo della Tv ad alta definizione e alla definizione degli standard MPEG per i Cd-Rom e la Tv digitale. MP3, lo standard che permette lo scambio di musica in Rete, è una sua creatura, nata all’interno di MPEG-1. Dirige la Secure Digital Music Initiative che raccoglie oltre 200 società sparse nel mondo. Leonardo Chiariglione nel 1996 ha ricevuto l’Emmy Award, l’Oscar statunitense per la Tecnologia, a riconoscimento del suo ruolo di fondatore e leader del gruppo MPEG.