La geografia dell’universo

Torna all'edizione 15

La geografia dell’universo

Un viaggio intergalattico virtuale

Giovedì 22 Febbraio 17.45 - Teatro Colosseo

Sonde spaziali e telescopi in orbita hanno fatto della nostra era quella della geografia dell’Universo, ovvero della scoperta di come galassie simili alla nostra Via Lattea siano distribuite su scale di miliardi d’anni luce. Poiché siamo appena all’inizio dell’esplorazione dell’Universo, stiamo ancora cercando di rispondere a domande fondamentali: come ci appare l’Universo oggi? In che modo si sono formate le galassie? Qual è l’origine delle enormi strutture formate dalle galassie? Con l’aiuto della grafica computerizzata possiamo persino intraprendere un viaggio virtuale intergalattico. L’Universo è una straordinaria macchina del tempo: guardando il cosmo più lontano possiamo osservare direttamente la sua storia.


Margaret Geller

Insegna Astronomia all’Harvard University di Boston ed è Senior Scientist allo Smithsonian Astrophysical Observatory

Insegna Astronomia all’Harvard University di Boston ed è Senior Scientist allo Smithsonian Astrophysical Observatory. Le sue mappe dell’Universo ci hanno dato una prima panoramica delle enormi strutture, le più grandi che conosciamo, che sono determinate dalla distribuzione di galassie come la Via Lattea. Nel campo della diffusione della cultura scientifica, ha curato i due fil sulla scienza “Where the Galaxies Are” e “So Many Galaxies… So Little Time”. Margaret Geller è membro dell’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti e ha ricevuto il premio della Fondazione MacArthur e numerosi altri premi e riconoscimenti per il suo lavoro scientifico e per il suo impegno nel campo della diffusione della cultura scientifica.