La strategia dell’aquila

Torna all'edizione 15

La strategia dell’aquila

Come vivere in pace con l’ambiente

Giovedì 02 Novembre 17.15 - Teatro Colosseo


Per il 99% della sua storia l’umanità ha vissuto in equilibrio con la natura applicando una strategia analoga a quella dell’aquila: popolazioni calibrate sull’estensione del territorio e prelievo delle risorse naturali tale da non consumare il capitale dell’habitat ma utilizzarne solo la rendita. Ma 10.000 anni fa, con lo sviluppo della pastorizia e dell’agricoltura, l’uomo ha cambiato la sua strategia determinando un pesante impatto sulla natura dovuto all’aumento della popolazione e ad uno squilibrio tra evoluzione biologica e culturale. Che cosa dovremmo fare? Anche in questo caso la risposta può venire dal mondo degli uccelli: l’ittero gigante del bestiame che, pur essendo un parassita del nido, ha evoluto un comportamento tale da non danneggiare gli ospiti ma anzi favorirli. 

Dànilo Mainardi

Insegna Conservazione della Natura all’Università Ca’ Foscari di Venezia

Insegna Conservazione della Natura all’Università Ca’ Foscari di Venezia ed è direttore della Scuola Internazionale di Etologia del Centro Ettore Majorana di Erice. Le sue principali ricerche sono incentrate sull’evoluzione e sul comportamento animale. Di notevole rilievo quelle dedicate alla scelta sessuale, ai rapporti tra prole e genitori, all’aggressività, alla trasmissione culturale. È autore o coautore di numerosi volumi pubblicati in Italia e all’estero. Per la sua attività didattica e di ricerca e per il suo impegno come divulgatore nel 1986 gli è stato attribuito il premio Anghiari “Una vita per la natura”. L’Associazione critici radiotelevisivi gli ha assegnato il Premio Chianciano 1987 quale migliore autore di programmi culturali televisivi.