Basta con le merendine!

Torna all'edizione 16

Basta con le merendine!

L'alimentazione come forma di conoscenza del nostro corpo

Giovedì 22 Novembre 17.45 - Teatro Colosseo

Per merenda si intende un pasto breve e leggero che si consuma tra il pranzo e la cena, con cibi non cucinati. Oggi si preferisce parlare di snack o fuoripasto perché questo modo di mangiare si è imposto negli ultimi anni come conseguenza del cambiamento dello stile di vita e quindi delle abitudini alimentari con una progressiva "destrutturazione" dei pasti. Vivendo gran parte della giornata fuori casa si ha la necessità di disporre di prodotti pronti, dolci o salati, facili da consumare durante l'intero arco della giornata, spesso fuori pasto. La merenda deve colmare una caduta del livello dei nutrienti energetici senza squilibrare l'alimentazione nel suo complesso e soprattutto deve possedere le qualità organolettiche adatte a un consumo di impulso. Gli snack non possono esser pubblicizzati come passatempo o come momento di relax. In realtà il loro valore nutrizionale è complementare a quello dei pasti. Ma non tutti i nutrienti riescono allo stesso modo a placare lo stimolo della fame. Così come al mattino abbiamo bisogno di carboidrati per avere carburante disponibile soprattutto per il cervello e raggiungere livelli di attenzione elevati, durante la giornata sono le proteine i nutrienti che saziano di più in breve termine.

Carlo Cannella

Carlo Cannella

Professore ordinario di Scienza dell'Alimentazione nella 1a Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Roma La Sapienza

Professore ordinario di Scienza dell'Alimentazione nella 1ª Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Roma La Sapienza, è direttore dell'Istituto di Scienza dell'Alimentazione e direttore della Scuola di Specializzazione in Scienza dell'Alimentazione. Collabora con Piero Angela a Superquark. Si è interessato del metabolismo dello zolfo inorganico e del selenio, degli aminoacidi solforati e delle modificazioni delle proteine alimentari durante i processi di conservazione e degli integratori alimentari. Con Giovanni Carrada ha scritto "I miti dell'alimentazione"; è coautore del testo "Fondamenti di Nutrizione Umana" (Il Pensiero Scientifico Editore, Roma, 1999).