Al di là del dolore

Torna all'edizione 17

Al di là del dolore

Come spezzare il binomio malattia e sofferenza

Giovedì 28 Novembre 17.45 - Teatro Colosseo

Il dolore è un importante segnale d'allarme che ci aiuta a capire meglio la malattia. Questo non significa doversi rassegnare alla sofferenza. Gli ostacoli al suo trattamento provengono sia dai pazienti, che difficilmente si sentono legittimati a lamentarsi e sono riluttanti ad assumere analgesici, sia dalla struttura sanitaria e dal suo personale, per inadeguata preparazione nel gestire e valutare il dolore, per la preoccupazione connessa all'uso di sostanze controllate dalla legge e per inadeguato rimborso del sistema sanitario. La paura di soffrire, ad esempio, è la prima preoccupazione manifestata da chi scopre di avere un tumore. In effetti più di 80 pazienti su 100, a un certo punto della malattia, si troveranno a sopportare dolori dovuti al tumore stesso o agli effetti collaterali delle cure. Oggi il dolore è finalmente considerato un sintomo importante da prendere in considerazione. Grandi progressi si sono fatti nella prevenzione, nella rimozione e nel trattamento del dolore, qualunque sia il meccanismo che lo produce. Questi progressi passano attraverso il miglioramento delle cure, l'impiego di equipe specializzate e nuove terapie più efficaci e meglio tollerate dall'organismo. Con il risultato di un miglioramento, in parallelo, delle cure e della qualità della vita per tutti coloro che sono colpiti da una grave malattia.

Mario Di Palma

Mario Di Palma

Oncologo

Oncologo di formazione, da due anni lavora al Centro di terapia del dolore dell'Istituto "Gustave Roussy", il principale istituto francese per la cura del cancro. Opera attivamente nell'insegnamento e nella ricerca sul miglioramento delle cure antidolore. Inoltre ha partecipato a numerose ricerche per mettere a punto nuovi farmaci antitumorali e per sviluppare protocolli terapeutici mirati a migliorare la tolleranza ai vari trattamenti per combattere il cancro.