Trapianti: combattere il rigetto

Torna all'edizione 17

Trapianti: combattere il rigetto

Il Santo Graal dell'immunologia

Giovedì 20 Febbraio 17.45 - Teatro Colosseo

Il trapianto di organi o tessuti sani è considerato il rimedio più efficace e potenzialmente più duraturo per una grande varietà di malattie di tipo infiammatorio, degenerativo o tumorale altrimenti inguaribili. I due principali ostacoli alla realizzazione su larga scala dei trapianti sono la reazione di rigetto del sistema immunitario del ricevente, e la relativa scarsità di donatori, che è naturalmente tanto più grave quanto maggiori sono le indicazioni al trapianto di un dato organo o tessuto. La ricerca biomedica e tecnologica sta affrontando questi ostacoli con perseveranza e creatività. Si va dallo sviluppo di organi artificiali sempre più sofisticati all'utilizzo di cellule staminali in grado di ricostituire in tutto o in parte le funzioni dell'organo malato, fino all'impiego di specie animali "ingegnerizzate" perché possano donare organi trapiantabili nell'uomo. Rendere il paziente "tollerante" nei confronti del trapianto è la meta più ambiziosa delle ricerche immunologiche, il "Santo Graal" dell'immunologia. Gli scienziati che hanno fatto scoperte rilevanti in questo campo hanno contribuito a scrivere la storia dell'immunologia, accelerando il progresso della medicina.

Ruggero Pardi

Ruggero Pardi

Istituto Scientifico San Raffaele Milano

Laureato in medicina alla Statale di Milano, insegna patologia generale all'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dal 1985 al 1988 ha svolto le proprie ricerche negli Stati Uniti alla Stanford University, sotto la supervisione di E.G. Engleman, dove ha condotto ricerche relative ai meccanismi di rigetto di allotrapianti vascolarizzati. Dal 1989 al 1991 è stato visiting scientist alla Yale University Medical School. Dal 1992 dirige l'Unità di ricerca di Biologia Leucocitaria presso il Dibit, Istituto Scientifico San Raffaele di Milano. È autore di oltre 60 lavori su riviste internazionali ed è responsabile scientifico di numerosi progetti nazionali ed internazionali.