Animali poliziotti

Torna all'edizione 19

Animali poliziotti

Un’indagine sospesa tra natura scienza e criminologia

Giovedì 02 Dicembre 17.45 - Teatro Colosseo

Se lo si considera in maniera scientifica e distaccata, un cadavere è un piccolo ecosistema, che compare all’improvviso nell'ambiente e offre un'attraente risorsa per numerosi organismi: funghi e batteri, invertebrati e mammiferi (o pesci, se l'ambiente è acquatico) si trovano a disporre di una fonte alimentare che non oppone resistenza ad essere predata. I primi a colonizzare un cadavere sono gli insetti e, soprattutto i ditteri (mosche e mosconi), che se ne cibano e vi depongono le uova.

L’Entomologia forense, e in particolare l’Entomologia medico-legale (forensic entomology o medico-criminal entomology), è lo studio degli artropodi applicato a reati perseguibili penalmente quali abusi, suicidi, omicidi. Tramite la conoscenza degli insetti e dei loro cicli vitali è possibile determinare i tempi, i modi e il luogo in cui una persona è deceduta. Grande importanza può avere questa disciplina nel rispondere ai quesiti giudiziali nel caso di morti violente, di rinvenimento di corpi non identificabili e ritrovamento di cadaveri in avanzato stato di decomposizione, di cui è difficile o impossibile stabilire la data di morte tramite le sole indagini mediche.

Margherita Turchetto

Margherita Turchetto

Docente di Zoologia presso il Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova

È docente di Zoologia presso il Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova, dove ha fondato il laboratorio di “Artropodofauna degli Ecosistemi effimeri”. In questo laboratorio si sono sviluppati, sotto la sua direzione, due filoni di ricerca sugli artropodi (e in particolare gli insetti) che vivono in ambienti di breve durata. Il primo studia gli abitanti di ghiacciai di alta quota e delle nevi, i loro adattamenti al freddo e il loro destino segnato dal ritiro dei ghiacciai, l’altro studia gli artropodi frequentatori e degradatori di cadaveri e carogne (Entomologia forense). Su questa seconda disciplina, ancora poco sviluppata in Italia, ha pubblicato molti articoli, alcuni su casi di attualità, altri sull’ecologia delle specie necrofaghe e sulle tecniche di studio in caso di crimini, altri ancora su casi storici.