SPECIALE SCUOLE - A tavola con le scimmie

Torna all'edizione 20

SPECIALE SCUOLE - A tavola con le scimmie

Osservare come le scimmie mangiano serve a capire non solo loro ma anche noi

Mercoledì 22 Febbraio 10.00 - Teatro Colosseo

SPECIALE SCUOLE

Per le scuole elementari

C’è poco da fare: se siamo di gusti difficili non è tutta colpa nostra. Se di fronte ad un piatto di verdura arricciamo il naso, se evitiamo con sospetto un cibo, se vedere altri che mangiano ci fa venire l’acquolina in bocca è, almeno in parte, perché siamo parenti stretti delle scimmie. Le scimmie, infatti, hanno dovuto mettere a punto tutte queste “strategie alimentari” per non rischiare di mangiare cose non abbastanza nutrienti o dannose e per mangiare in compagnia quando è più facile che ci sia sempre qualcuno che a turno vigila sugli altri. Infatti, per una scimmia è questione di vita o di morte mangiare a sufficienza, non finire avvelenata o mangiata da un predatore. Osservare come le scimmie mangiano serve a capire non solo loro ma anche noi.

Elsa Addessi

Elsa Addessi

Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del CNR

È dottore di ricerca in biologia animale e titolare di un assegno di ricerca presso l’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del CNR. Ha usufruito di numerose borse di studio, come la prestigiosa borsa NATO-CNR Advanced e la borsa l’Orèal-Unesco “For women in science”. Si è occupata principalmente della valutazione dell’influenza di fattori biologici, comportamentali e sociali sulle scelte alimentari in varie specie di primati non umani e in bambini in età prescolare. Gli studi sulle scimmie possono permettere di individuare le basi biologiche del comportamento alimentare umano, di fondamentale importanza per la messa a punto di interventi più efficaci per arginare e prevenire l’obesità e i disturbi dell’alimentazione.