La matematica al pianoforte

Torna all'edizione 21

La matematica al pianoforte

Giovedì 14 Dicembre 17.45 - Teatro Colosseo

Si sa che arte e scienza hanno radici comuni, e che un tempo la figura dell'artista si confondeva spesso con quella dello scienziato. Matematica e musica hanno dialogato tra loro fin dall'antichità. Le opere di J. S. Bach e Anton Webern illustrano questo dialogo tra bellezza e passione. La musica delle sfere possedeva, per gli antichi matematici, una bellezza che trascendeva l'umano. La musica, come simboleggia il mito di Orfeo, è in grado di smuovere gli animi attraverso la passione così come la matematica ha cambiato il mondo fornendo preziosi strumenti di analisi indispensabili per la pratica sperimentale. Con l'ausilio di un pianoforte, Peter Pesic ci farà sentire come il linguaggio della musica e quello della matematica si possano sovrapporre e "risuonare" anche in un incontro di divulgazione scientifica.

Durante la conferenza verrà consegnato a Pesic il Premio Peano dalla A.S. Mathesis per il miglior libro di divulgazione della Matematica pubblicato in Italia nel 2005, La prova di Abel - saggio sulle fonti e sul significato della irrisolvibilità in matematica, edito da Bollati Boringhieri.


Peter Pesic

Peter Pesic

St. John's College di Santa Fe (New Mexico)

Fisico, storico e musicista, Pesic è residente al St. John's College a Santa Fe. Ha studiato Fisica all'Università di Stanford, dove ha conseguito il dottorato di ricerca nel 1975 e dove è stato prima ricercatore e poi professore presso lo Stanford Linear Accelarator Center. Come storico ha pubblicato diversi lavori, dedicati in particolare a Bacon e Leibnitz. Ha pubblicato altri tre libri per la MIT Press tra cui Labyrinth: A Search for the Hidden Meaning of Science (2000), di prossima pubblicazione da Bollati Boringhieri (con il titolo Labirinto, indagine sul significato nascosto della scienza). Come pianista ha eseguito diversi concerti interpretando Bach, Beethoven, Haydn, Mozart, Schubert.