Terra, luna... Marte

Torna all'edizione 21

Terra, luna... Marte

Giovedì 01 Marzo 17.45 - Teatro Colosseo

In pochi decenni l'uomo ha acquisito la capacità di utilizzare lo spazio attorno alla Terra e di esplorare il cosmo con sonde automatiche che si spingono sempre più lontano ampliando la nostra comprensione dell'universo.

I satelliti di telecomunicazione e di navigazione e quelli di osservazione della Terra e delle sue risorse, ci trasmettono informazioni utili ed essenziali che giustificano ampiamente gli investimenti sostenuti. Ma la conoscenza pura è un obiettivo ancora più importante di queste applicazioni.

Con la Stazione Spaziale Internazionale si è sviluppata la capacità di realizzare grosse infrastrutture in orbita terrestre e di vivere e lavorare nello spazio per lunghi periodi di tempo. L'esplorazione della Luna e di Marte è la naturale evoluzione delle capacità acquisite in orbita attorno alla Terra.

La natura complessa delle missioni di esplorazione, le capacità tecnologiche richieste e gli investimenti per la loro realizzazione implicano una cooperazione internazionale: studiando lo spazio si favorisce anche la pace tra i popoli.

Maurizio Cheli

Maurizio Cheli

Astronauta e Pilota Collaudatore

Dopo l'Accademia Aeronautica di Pozzuoli ottiene l'incarico di pilota operativo da ricognizione. Nel 1988 diviene pilota collaudatore. Nel 1992 entra alla European Space Agency (ESA) e va al Johnson Space Center di Houston della NASA, dove ottiene la qualifica di astronauta. All'Università di Houston consegue la laurea in Ingegneria Aerospaziale nel 1994. 

Nel 1996 è sullo Shuttle con Umberto Guidoni per portare in orbita il Satellite al guinzaglio (Tethered Satellite). Due anni dopo diviene Capo Pilota Collaudatore per velivoli da combattimento per Alenia Aeronautica. Ha al suo attivo 380 ore di attività spaziale, diverse migliaia di ore di volo su oltre 50 diversi tipi di velivoli, numerosi brevetti tra cui si ricordano quelli per Tornado, Eurofighter Typhoon e Space Shuttle. È stato il primo astronauta italiano ad avere il ruolo di mission specialist durante la missione STS-75, la stessa in cui Guidoni rivestiva il ruolo di payload specialist. A entrambi è stata conferita la medaglia d'argento al valor aeronautico.

Maria Antonietta Perino

Maria Antonietta Perino

Alcatel Alenia Space

Laureata al Politecnico di Torino in Ingegneria Nucleare, nel 1988 consegue un Master presso l'International Space University (M.I.T., Boston, USA) e diventa membro del corpo docente. 

Lavora presso l'Alcatel Alenia Space di Torino in qualità di Program Manager dei Nuovi Programmi di Esplorazione. 

È autrice di numerose pubblicazioni su riviste internazionali ed è membro dello Space Exploration Policy Assessment Group dell'Agenzia Spaziale Europea e dell'International Academy of Astronautics.