Quando il cibo fa paura

Torna all'edizione 23

Quando il cibo fa paura

Dietro le quinte delle crisi alimentari

Giovedì 04 Dicembre 17.45 - Teatro Colosseo

Aumenta la paura per il cibo: quella alimentare sembra la nuova ansia, sostenuta da una sequenza incalzante di allarmi. Malattie come BSE e Influenza Aviaria, o fenomeni come la melamina nel latte cinese sono esempi di tutto ciò che si può scatenare attorno a una crisi alimentare.

Non essere sicuri di ciò che mangiamo genera paura e una percezione esasperata del rischio per la salute con il conseguente crollo del consumo. Questo si ripercuote negativamente sul patrimonio zootecnico del Paese colpito e, a cascata, provoca danni su settori dell’economia di mercato e cambiamenti radicali nella gestione degli allevamenti e dell’agricoltura ad essi collegati. Crisi come queste hanno però anche aspetti positivi (i cinesi nell’ideogramma “crisi” mettono la parola pericolo e opportunità): fanno scuola, insegnano come evitarne nuove o come affrontarle con un miglior rapporto costi-benefici. Non solo, lasciano anche scie benefiche, che aumentano la consapevolezza dei consumatori, come il concetto di tracciabilità alimentare e della necessità dell’etichettatura dopo “mucca pazza”: conoscere ciò che mangiamo è il primo passo per sentirsi sicuri.

Video della conferenza


Maria Caramelli

Maria Caramelli

Istituto Zooprofilattico Sperimentale, Torino

È la responsabile del Centro di Referenza Nazionale per la BSE dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Torino, dove dirige l’Area di Neuroscienze e Genetica Animale.

Medico veterinario, specializzata in Ispezione degli Alimenti di origine animale, è dottore di Ricerca in Patologia veterinaria e fa parte dello European College of Veterinary Public Health, con specializzazione in Food Safety.

È inoltre membro del Consiglio Scientifico dell’Istituto Superiore di Sanità e della Commissione ministeriale per le encefalopatie spongiformi trasmissibili. Vicepresidente della Società Italiana di diagnostica veterinaria, è autrice di oltre 140 pubblicazioni sulle malattie infettive degli animali e di oncologia veterinaria.