Una vita tra le stelle

Torna all'edizione 23

Una vita tra le stelle

La vita di una scienziata e l’avventura della ricerca astronomica

Giovedì 05 Febbraio 17.45 - Teatro Colosseo

L’Onu ha proclamato il 2009 “Anno Internazionale dell’Astronomia”. Una scelta ben motivata: esattamente quattro secoli fa Galileo Galilei puntava al cielo il piccolo cannocchiale che si era costruito e scopriva le montagne della Luna, le stelle della Via Lattea, i satelliti di Giove, le macchie solari e altre meraviglie dell’universo. Da allora gli strumenti dell’astronomo si sono molto evoluti. Il telescopio di Galileo aveva una lente da 2 centimetri, oggi si progettano telescopi da 40 metri e una flotta di satelliti ha aperto nuove finestre che ci mostrano il cielo nei raggi infrarossi, ultravioletti, X e gamma, mentre decine di navicelle hanno esplorato il Sistema Solare sorvolando pianeti, asteroidi, comete. Margherita Hack ha vissuto in prima persona e da protagonista l’incredibile sviluppo dell’astronomia e dell’astrofisica degli ultimi cinquant’anni. In dialogo con Piero Bianucci ne rievocherà le tappe più importanti e indicherà i grandi problemi che gli astronomi si prepar

Video della conferenza


Margherita Hack

Margherita Hack

Professore emerito all’Università di Trieste

È nata a Firenze nel 1922 e a Firenze si è laureata, all’Osservatorio di Arcetri, a poche centinaia di metri dalla villa dove Galileo Galilei visse i suoi ultimi anni da confinato dopo la condanna inflittagli dal Sant’Uffizio. Dopo aver lavorato in Osservatori astronomici americani ed europei, rientrata in Italia, ha diretto per molti anni l’Osservatorio di Trieste e ha fatto ricerca con il satellite IUE, International Ultraviolet Explorer, grazie al quale è stata realizzata la prima mappa dell’universo visto nella radiazione ultravioletta. Professore emerito di Astronomia all’Università di Trieste e socio nazionale dell’Accademia dei Lincei, oltre a centinaia di lavori scientifici ha pubblicato una decina di libri di divulgazione astronomica. Da uno di essi è tratto uno spettacolo teatrale del quale è stata anche interprete. Nel 1995 ha ricevuto il Premio Cortina Ulisse.