La terza rivoluzione industriale

Torna all'edizione 28

La terza rivoluzione industriale

Con un clic la macchina delle macchine fabbrica ciò che vuoi

Giovedì 23 Gennaio 17.45 - Teatro Colosseo

Questo incontro sarà un tuffo nel futuro. Nessuna tecnologia ha mai registrato progressi confrontabili, per rapidità e importanza, con i progressi realizzati nell'ultimo ventennio dalle tecnologie dell'informazione e, in particolare, da microelettronica e fibre ottiche. Questi progressi stanno modificando drasticamente i meccanismi del mondo produttivo e dell'intera società. è la terza rivoluzione industriale.
Due aree significative delle trasformazioni in atto sono software e hardware “liberi”, e le stampanti tridimensionali. A Ivrea è nata un'architettura hardware libera, ormai nota a livello mondiale come Arduino; a Torino è stato costituito un laboratorio, chiamato Fablab Torino, per la produzione di oggetti fisici con l'uso di stampanti tridimensionali. Le esperienze dei progettisti di Arduino e Fablab saranno il punto di partenza per una riflessione sulle opportunità rappresentate dalla terza rivoluzione industriale.

Davide Gomba

Davide Gomba

Fablab Torino

Torinese, video maker, nasce dalla sperimentazione audiovisiva e il suo primo progetto Arduino è stato un controller audio/video open-source. Comunicatore, blogger su Arduino.cc, tiene workshop in giro per l'Italia e promuove la cultura dell'open design e della fabbricazione digitale.
Ha partecipato alla realizzazione del primo Fablab in Italia presso la mostra “Stazione futuro”, poi si è battuto per promuovere e prolungare l'esperienza del FabLab a Torino. Nel 2012 ha dato vita alle Officine Arduino, azienda che promuove Arduino in Italia e segue vari progetti legati allo sviluppo della scheda. Le Officine Arduino - ospitate presso il coworking torinese Toolbox - sono anche sede del FabLab, e rappresentano una vivace realtà di condivisione e scambio tra diverse identità lavorative, creative, produttive.
Nel tempo libero stampa giocattoli e inventa storie con suo figlio Djibril

Riccardo Luna

Riccardo Luna

Giornalista e scrittore

48 anni, ne ha trascorsi dieci a “La Repubblica” (il quotidiano per il quale scrive tuttora). Ha fondato e diretto tre giornali: “Campus”, “Il Romanista” e “Wired”. Ha scritto per primo di Calciopoli, ha candidato Internet al premio Nobel per la Pace ed è presidente di Wikitalia, associazione che si occupa di trasparenza e partecipazione politica attraverso la rete. Sul web ha diversi progetti in corso: un blog su “Il Post”, la direzione del sito “CheFuturo! Il lunario della innovazione” e la guida di “StartupItalia!”.
Ha curato e condotto le conferenze internazionali “Happy Birthday Web”, “Makers” e “iSchool”.

Angelo Raffaele Meo

Angelo Raffaele Meo

Politecnico di Torino, Presidente Centro Scienza Onlus

Professore emerito del Politecnico di Torino, già Presidente dell’Accademia delle Scienze torinese, è un pioniere dell'informatica italiana, noto per le sue posizioni a favore del software libero open source. Autore di alcuni libri divulgativi sull’open source, responsabile del Progetto Informatica del CNR, si è occupato di applicazioni informatiche in vari settori d’avanguardia, a cominciare dalla sintesi vocale. Fa parte del centro Nexa su Internet e società per il dibattito sulla libertà nell'ambito digitale, in particolare in rete.