OLFATTO, LA RISCOPERTA DEL SENSO DIMENTICATO

Torna all'edizione 35

OLFATTO, LA RISCOPERTA DEL SENSO DIMENTICATO

Fondamentale nel mondo animale, rimosso dagli umani, costoso al ristorante

Giovedì 11 Febbraio 17:45 - Online




Un ringraziamento particolare a



L’olfatto ha il potere di evocare sentimenti e farci viaggiare nei ricordi, oppure scappare a naso tappato. Fare a meno dell’olfatto è una limitazione grave, basta un banale raffreddore per rendersene conto: rimaniamo come anestetizzati, l’aria, il cibo, le persone che amiamo non sanno più di nulla. Tendiamo a sottovalutare l’olfatto perché agisce su di noi in modo più istintivo. Se ci concentriamo su un profumo, fatichiamo a trovare le parole adeguate per descriverlo e, tuttavia, di un posto o di una situazione l’odore è una delle cose che ricordiamo meglio e che resistono al tempo: l’olfatto crea il sottotesto di un’esperienza. Ma che cos’è un odore? Che differenza c’è tra un profumo e una puzza? Come sono fatti? Un viaggio attraverso i talenti del nostro naso e del nostro cervello olfattivo, per capire il nostro senso più dimenticato e bistrattato, più intimo e selvaggio.


Nel corso dell'incontro sarà possibile partecipare a un esperimento aperto a tutti.


Necessario:

- Delle caramelle dure alla frutta oppure una bevanda (un succo di frutta, ma va bene anche un drink per l’aperitivo!)

- Qualcosa dall’odore di menta: una scatola di mentine, della menta fresca o un’essenza

- Una gomma da masticare alla menta

- Un vasetto (meglio se scuro)

- Carta e penna


Tieni tutto pronto!


Video della conferenza


Anna D’Errico

Anna D’Errico

Neuroscienziata e divulgatrice scientifica

Neuroscienziata e divulgatrice scientifica, ha lavorato per diversi anni nella ricerca occupandosi di circuiti neuronali e fisiologia dell’olfatto alla SISSA di Trieste, al Max-Planck Institute of Biophysics di Francoforte e alla Goethe University di Francoforte. Come sviluppo della sua attività teatrale, dal 2013 ha iniziato a occuparsi di teatro olfattivo, dell’uso degli odori nello spazio performativo e in relazione ad arte e movimento. È autrice del saggio Il senso perfetto, mai sottovalutare il naso (Codice Edizioni, 2019).