L’italia nello spazio

Torna all'edizione 26

L’italia nello spazio

I contributi italiani alla scienza dell’esplorazione spaziale: quanto è già stato fatto e quali progetti si fanno con il nostro determinante contributo

Giovedì 19 Gennaio 17.45 - Teatro Colosseo

Nel 1964 con il “San Marco 1” l’Italia divenne il terzo paese al mondo (primo in Europa) a lanciare un satellite. Il “San Marco 2” nel 1967 partì già da una base spaziale italiana in Kenia. Nel 1997 il mistero dei “lampi gamma” fu svelato da BeppoSAX (1,5 tonnellate), il primo grande satellite scientifico italiano realizzato con nostre tecnologie, molte delle quali innovative.
Oggi lo spazio ha una notevole concentrazione di “made in Italy”. Dai satelliti Herschel e Planck che hanno raggiunto i Punti Lagrangiani di equilibrio gravitazionale Terra-Luna, agli spazi più remoti esplorati dalla sonda Cassini-Huygens. Verso la superficie di Marte nel 2016 sarà lanciata la sonda ExoMars, per la cui progettazione e realizzazione l’ESA ha scelto la Thales Alenia Space di Torino come primo contraente industriale e realizzatore degli elementi più innovativi. Il futuro ci riserva scoperte forse rivoluzionarie, come l’identificazione di tracce di vita su Marte, realizzate grazie alle nostre tecnologie. Su Venere, un “occhio Italiano” realizzato a Firenze (VIRTIS) sta indagando dalla sonda Venus Express l’atmosfera. Verso Mercurio ESA si sta sviluppando la missione BepiColombo: la sonda di italiano non ha solo il nome ma anche un insieme di tecnologie. Quanto all’esplorazione umana, la leadership italiana è solidissima in Europa e riconosciuta nel mondo: i moduli abitativi, logistici e scientifici della Stazione spaziale internazionale costituiscono oltre il 50% del volume abitabile.

Vincenzo Giorgio

Vincenzo Giorgio

Thales Alenia Space Italia

Laureato in Ingegneria Elettronica, Vincenzo ha iniziato la sua attività nel settore spazio dell’allora Aeritalia in qualità di responsabile dei sistemi ci comunicazione e computer di bordo per satelliti.
Responsabile in passato di progetti scientifici come Hipparcos e Integral, ha anche lavorato per la Stazione Spaziale Internazionale.
Oggi è direttore della divisione scienza e sistemi ottici di osservazione della terra di Thales Alenia Space Italia che ha visto la realizzazione di importanti progetti come GOCE, Herschel e Planck ed e’ impegnato oggi nella realizzazione della navicella spaziale BepiColombo, che ha come obbiettivo il pianeta Mercurio, del progetto Solar Orbiter e della missione Exomars per l’esplorazione robotica del pianeta rosso. Dal 2004 Membro dell’International Space Exploration Committee.